Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To go directly to an article using its bibliographical details…

PEP-Web Tip of the Day

If you know the bibliographic details of a journal article, use the Journal Section to find it quickly. First, find and click on the Journal where the article was published in the Journal tab on the home page. Then, click on the year of publication. Finally, look for the author’s name or the title of the article in the table of contents and click on it to see the article.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Fornaro, M. (2012). Simona R. Capolupo & Donata Miglietta, Pensare nelle istituzioni. La formazione psicoanalitica. Padova: Libreriauniversitaria.it edizioni, 2012, pp. 239, € 15,00. Psicoter. Sci. Um., 46(4):601.

(2012). Psicoterapia e Scienze Umane, 46(4):601

Simona R. Capolupo & Donata Miglietta, Pensare nelle istituzioni. La formazione psicoanalitica. Padova: Libreriauniversitaria.it edizioni, 2012, pp. 239, € 15,00

Review by:
Mauro Fornaro

Le Autrici, avvalendosi di una lunga esperienza, presentano il loro cimento teorico e pratico di psicoanaliste chiamate a formare degli operatori attivi all'interno di istituzioni pubbliche (ospedali, reparti di psichiatria e di neuropsichiatria infantile, ma anche scuole). Una sfida, certo, dovendo superare due tipi di difficoltà: da una parte, la necessità di adattare metodo e teorie analitiche a un setting anomalo (sistemazione in luoghi precari, frequenti interruzioni, pagamenti da parte delle istituzioni, limiti di tempo predefiniti del percorso); dall'altra parte, le insofferenze di non pochi dirigenti delle istituzioni coinvolte (che puntano il dito contro risultati non immediati, né facilmente verificabili tramite i loro criteri) e talora pure le diffidenze degli operatori («forse sono spie della direzione» [p. 139], suggerisce il pensiero latente di un gruppo di ospedalieri).

Le Autrici non a torto sottolineano come tecniche e teorie psicoanalitiche richiedano adattamenti, pena l'impossibilità di intervenire in situazioni molto specifiche, nelle quali, ai fini del buon funzionamento di istituzioni spesso in preda a disagi relazionali e a conflitti intestini, è necessaria la consapevolezza da parte degli operatori delle proprie emozioni e delle dinamiche gruppali disturbate. Portare queste dimensioni affettive latenti alla parola e alla condivisione coi colleghi risulta tanto più opportuno quanto più stressanti e coinvolgenti sono le condizioni di lavoro, come accade con utenti psichiatrici, grandi e piccini.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.