Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To access to IJP Open with a PEP-Web subscription…

PEP-Web Tip of the Day

Having a PEP-Web subscription grants you access to IJP Open. This new feature allows you to access and review some articles of the International Journal of Psychoanalysis before their publication. The free subscription to IJP Open is required, and you can access it by clicking here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Cavagna, D. (2015). Gian Paolo Scano, La mente del corpo: intenzionalità e inconscio della coscienza. L'azione umana tra natura e cultura. Milano: FrancoAngeli, 2015, pp. 320, € 38,00. Psicoter. Sci. Um., 49(1):150-152.

(2015). Psicoterapia e Scienze Umane, 49(1):150-152

Gian Paolo Scano, La mente del corpo: intenzionalità e inconscio della coscienza. L'azione umana tra natura e cultura. Milano: FrancoAngeli, 2015, pp. 320, € 38,00

Review by:
Davide Cavagna

L'inconscio esiste davvero? È questa la domanda da cui prende le mosse il volume dello psicologo e psicoterapeuta Gian Paolo Scano, volto alla «falsificazione della spiegazione freudiana dell'intenzionalità inconscia» (p. 16). Sulla scia del progetto rapaportiano di rifondazione della teoria psicoanalitica, Scano propone una critica epistemologica degli assunti mentalistici «inaccettabili» (p. 13) della metapsicologia freudiana, presenti non solo nella teoria generale, ma anche nella teoria clinica usata dagli psicoanalisti. Secondo Scano, se è ormai assodata scientificamente l'esistenza di processi inconsci, questi non sono «psichici» (p. 16, corsivo nell'originale), ma semmai conseguenze della dialettica di natura e cultura; «tema essenziale per la psicologia clinica» oggi è dunque una nuova «teoria dell'azione umana, soggettuale e intersoggettuale» (p. 19).

Il volume si sviluppa in tre momenti: dapprima, l'Autore presenta, storicamente e concettualmente, la questione della “morte della metapsicologia”; quindi, attacca alcuni concetti centrali della clinica psicoanalitica; infine, propone la sua teoria del soggetto, preliminare a una teoria del metodo clinico che rimanda a un volume futuro. Il primo argomento affrontato (cap. 1) è quello relativo alla realtà dei contenuti inconsci e, più estesamente, dell'inconscio (p. 27). Segnalando come la concettualizzazione dell'inconscio comporti il rischio di «reificazione della metafora spaziale» (p.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.