Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see author affiliation information in an article…

PEP-Web Tip of the Day

To see author affiliation and contact information (as available) in an article, simply click on the Information icon next to the author’s name in every journal article.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Maiullari, F. (2015). FOUCAULT E L'EDIPO RE: GENEALOGIA DI UN MALINTESO. Psicoter. Sci. Um., 49(3):377-394.

(2015). Psicoterapia e Scienze Umane, 49(3):377-394

FOUCAULT E L'EDIPO RE: GENEALOGIA DI UN MALINTESO

Franco Maiullari

Foucault e l'Edipo Re: genealogia di un malinteso. La tragedia di Edipo è la storia mitologica che ha maggiormente influenzato la cultura del Novecento, in particolare quella filosofica e psicologica. Ne hanno scritto ampiamente anche Foucault e Freud, sennonché entrambi si sono riferiti all'interpretazione tradizionale dell'Edipo Re - quella di origine aristotelica che considera Edipo autore involontario di parricidio e di incesto - la quale, però, a ben analizzare il testo, è un'interpretazione problematica. Dopo aver detto dell'uso improprio della tragedia fatta da Freud (Maiullari, 2011), in questo articolo viene analizzato l'uso altrettanto improprio che ne fa Foucault: in entrambi i casi la questione è di metodo, dato che nessuno dei due studiosi si cimenta con il testo prima di giungere a delle conclusioni. I due articoli si completano nel loro rinviarsi psicologico e filosofico e confermano la necessità di rispettare un testo, alla stregua del rispetto che si deve al testo di un paziente, se non si vuole incorrere in conclusione arbitrarie.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.