Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of this article…

PEP-Web Tip of the Day

When there are translations of the current article, you will see a flag/pennant icon next to the title, like this: 2015-11-06_11h14_24 For example:

2015-11-06_11h09_55

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are published translations of the current article. Note that when no published translations are available, you can also translate an article on the fly using Google translate.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Vaccari, V. (2017). Agostino Portera & Carl A. Grant (editors), Intercultural Education and Competences: Challenges and Answers for the Global World. Cambridge, UK: Cambridge Scholars Publishing, 2017, pp. 260, £ 52.99. Psicoter. Sci. Um., 51(3):494-496.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(3):494-496

Agostino Portera & Carl A. Grant (editors), Intercultural Education and Competences: Challenges and Answers for the Global World. Cambridge, UK: Cambridge Scholars Publishing, 2017, pp. 260, £ 52.99

Review by:
Valeria Vaccari

Il volume (collettaneo), con 15 capitoli e una corposa introduzione, è frutto del Convegno tenuto a Verona nel 2013, organizzato dal Centro Studi Interculturali dell'Università diretto da Agostino Portera, in collaborazione con istituti di ricerca europei e internazionali. I vari contributi si articolano attorno a un argomento di grande interesse e urgenza: “vivere insieme in pari dignità”. È questo anche il titolo del Libro Bianco sul Dialogo Interculturale, redatto nel 2008 per iniziativa dei Ministri degli Affari Esteri del Consiglio d'Europa con l'obiettivo di affrontare le sfide della globalizzazione, superando conflitti di vario genere e promuovendo i diritti umani.

Su questa scia si pone il libro di Portera e Grant. Le prospettive da cui il tema viene affrontato sono numerose e arrivano a comporre un quadro ampio e dettagliato. Zygmund Bauman, nel cap. 1 (probabilmente uno degli ultimi, se non l'ultimo suo lavoro), analizza il vissuto del tempo in quella “modernità liquida” su cui ha riflettuto a lungo. La nostra società, egli scrive, così come l'identità dei singoli individui, ha perso la struttura solida tradizionale ed è priva di contorni chiari e definiti. Mutuando da Stephen Bertnam (Hyperculture: The Human Cost of Speed. Westport, CT: Praeger, 1998) i termini nowist culture e hurried culture, culture dell'adesso e della fretta, Bauman descrive un desiderio sempre soddisfatto e proprio per questo mai soddisfatto, una frenetica ricerca che non va da nessuna parte.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.