Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To go directly to an article using its bibliographical details…

PEP-Web Tip of the Day

If you know the bibliographic details of a journal article, use the Journal Section to find it quickly. First, find and click on the Journal where the article was published in the Journal tab on the home page. Then, click on the year of publication. Finally, look for the author’s name or the title of the article in the table of contents and click on it to see the article.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Castiello d'Antonio, A. (2017). Jonathan Sklar, Balint Matters. Psychosomatics and the Art of Assessment. London; Karnac, 2017, pp. XXII+232, £ 27.99 (paperback). Psicoter. Sci. Um., 51(4):639-641.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(4):639-641

Recensioni

Jonathan Sklar, Balint Matters. Psychosomatics and the Art of Assessment. London; Karnac, 2017, pp. XXII+232, £ 27.99 (paperback)

Review by:
Andrea Castiello d'Antonio

C'è (ancora) qualcuno interessato a Balint e alla sua opera? A chi importa davvero di Michael Balint? A queste domande l'Autore risponde con le oltre duecento pagine del suo libro, un lavoro che segue a poca distanza di tempo Landscapes of the Dark: History, Trauma, Psychoanalysis (London: Karnac, 2011) in cui Sklar esamina i contributi di Ferenczi e di Balint al concetto di regressione e alla situazione di “stare-conil-paziente” gravemente sofferente, segnato da traumi precoci; sull'argomento si veda anche il testo di André Haynal, The Technique at Issue: Controversies in Psychoanalysis from Freud and Ferenczi to Michael Balint (London: Karnac, 1988).

Bergsmann Mihály nacque a Budapest il 3 dicembre 1896 (nel 1920 cambiò il suo nome in Michael Balint) e morì il 31 dicembre 1970 a Londra. Il suo è uno dei nomi troppo spesso trascurati nel panorama degli autori psicoanalitici che si studiano nei nostri corsi universitari, nelle scuole di specializzazione e nei seminari degli istituti di psicoanalisi. Eppure, caso non frequente, molte delle sue opere, le più importanti, sono state tradotte in italiano in anni ormai lontani: ad esempio, Medico, paziente e malattia (del 1956, pubblicato da Feltrinelli nel 1961 come n. 2 della Biblioteca di Psichiatria e di Psicologia Clinica diretta da Pier Francesco Galli e Gaetano Benedetti, con una prefazione dello stesso Galli, e ristampato da Fioriti nel 2014), Tecniche psicoterapiche in medicina (1961) scritto con Enid Balint (Torino: Einaudi, 1970), La regressione (1959-68), anche questo con Enid Balint (Milano: Raffaello Cortina, 1983).

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.