Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save a shortcut to an article to your desktop…

PEP-Web Tip of the Day

The way you save a shortcut to an article on your desktop depends on what internet browser (and device) you are using.

  • Safari
  • Chrome
  • Internet Explorer
  • Opera

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Maschietto, S. (2019). Intervento sul caso Anna. Psicoter. Sci. Um., 53(3):512-514.

(2019). Psicoterapia e Scienze Umane, 53(3):512-514

Intervento sul caso Anna

Simone Maschietto

Ringrazio i colleghi che hanno commentato il caso clinico di Anna per la qualità dei loro interventi e per la loro partecipazione al mio lavoro.

Concordo con Secondo Giacobbi che, citando Winnicott, ha evidenziato nel trattamento clinico di Anna l'importanza della dimensione transizionale, cioè quella del gioco (n. 2/2019, p. 326). Il principale focus della mia tecnica terapeutica è stato proprio l'utilizzo della regressione come gioco creativo, nella consapevolezza condivisa con la paziente che stavamo giocando alla madre con la sua bambina. Proprio la presenza di tale consapevolezza ha protetto la nostra diade da uno scivolamento verso il pensiero psicotico concreto, che avrebbe ucciso la dimensione simbolica. Anna ha capito che mi stavo rivolgendo creativamente alla bambina (de)privata e traumatizzata che era dentro di lei, ha sentito che ero disponibile a un contatto con quella sua parte e a fornirle una esperienza affettiva corporea di contenimento che non aveva mai ricevuto. Entrambi abbiamo dovuto superare le rispettive resistenze: io ho lasciato le regole del setting classico, che si utilizzano nel trattamento delle nevrosi di transfert, e lei ha lasciato la corazza narcisistica in cui aveva rinchiuso difensivamente la parte più autentica di sé. Giacobbi mette in rilievo anche un altro tema dominante della paziente: la violenza insita in lei e nella sua storia di vita. Alla fine del suo commento pone un quesito inerente alla sessualità e al rischio che la paziente possa fare emergere nel transfert aspetti edipici o erotizzati con la modalità violenta che le è propria (p.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.