Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can request more content in your language…

PEP-Web Tip of the Day

Would you like more of PEP’s content in your own language? We encourage you to talk with your country’s Psychoanalytic Journals and tell them about PEP Web.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Castiello d'Antonio, A. (2019). Nathan Kravis, On the Couch: A Repressed History of the Analytic Couch from Plato to Freud. Boston, MA: MIT Press, 2017, pp. 224, $ 29.95, £ 24.00 (hardcover). Psicoter. Sci. Um., 53(3):541-542.

(2019). Psicoterapia e Scienze Umane, 53(3):541-542

Nathan Kravis, On the Couch: A Repressed History of the Analytic Couch from Plato to Freud. Boston, MA: MIT Press, 2017, pp. 224, $ 29.95, £ 24.00 (hardcover)

Review by:
Andrea Castiello d'Antonio

Questo insolito libro di Nathan Kravis, recensito da Aaron H. Esman nel n. 3/2018 di The Psychoanalytic Quarterly, è un libro bello e intelligente, piacevole da sfogliare anche per l'importante apparato iconografico, frutto di una ricerca che ha impegnato l'Autore per quasi venticinque anni, cioè dai tempi in cui era candidato in analisi. Un libro dedicato al divano, il divano analitico, di cui si ripercorre la storia dall'antichità ai giorni nostri, dando voce ad una presenza costante e silente nello studio dello psicoanalista (e di molti terapeuti psicodinamici) come è quella, appunto, del lettino. Un componente d'arredo - si potrebbe dire ingenuamente - il cui significato ha ben presto trasceso qualunque razionale e concreta utilizzazione, finendo col simboleggiare “la psicoanalisi” nel senso della vera e genuina psicoanalisi: un significato ancor oggi ben presente, quando (come sappiamo) la stragrande parte degli analisti lavora anche con il paziente seduto di fronte, mentre i confini tra analisi e terapia psicodinamica si vanno sempre più affievolendo. Un oggetto-totem che è stato chiamato in causa con attribuzioni diverse: negative e infantilizzanti il paziente, oppure salvifiche e costruttive per la possibilità di quest'ultimo di recuperare realmente e profondamente se stesso, ma anche come strumento a protezione dello sguardo e della mente dell'analista (come lo stesso Freud scrisse).

L'Autore si muove agevolmente sulla china del recupero dei significati storici e culturali della postura distesa, evitando qualunque digressione di genere tecnico o teorico e andando alla ricerca delle radici di tale sistemazione nell'antica Grecia e nell'antica Roma.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.