Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by Rankā€¦

PEP-Web Tip of the Day

You can specify Rank as the sort order when searching (it’s the default) which will put the articles which best matched your search on the top, and the complete results in descending relevance to your search. This feature is useful for finding the most important articles on a specific topic.

You can also change the sort order of results by selecting rank at the top of the search results pane after you perform a search. Note that rank order after a search only ranks up to 1000 maximum results that were returned; specifying rank in the search dialog ranks all possibilities before choosing the final 1000 (or less) to return.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Ravasini, C. (1967). Charles Brenner Breve corso di psicoanalisi, trad. it. di Franco Mori, G. Martinelli Editore, Firenze, 1967.. Rivista Psicoanal., 13(1):85-85.

(1967). Rivista di Psicoanalisi, 13(1):85-85

RECENSIONI

Charles Brenner Breve corso di psicoanalisi, trad. it. di Franco Mori, G. Martinelli Editore, Firenze, 1967.

Review by:
C. Ravasini

Non è facile condensare in una esposizione sintetica e chiara, ed al tempo stesso esauriente e scientificamente corretta, la teoria e la clinica psicoanalitiche. In questo intento riesce il breve testo dell'americano Brenner, An Elementary Textbook of Psychoanalysis, di cui appare oggi la traduzione italiana.

Il pregio fondamentale di questo libro è infatti quello di essere conciso, lucido, didattico: è la lettura più adatta ad introdursi nel mondo della letteratura psicoanalitica per quanti (studenti di psichiatria o giovani psicologi, sociologi o pedagoghi) non abbiano il tempo o la pazienza di immergersi nella lettura di più ampi trattati.

Pur usando un linguaggio piano e comprensibile, il Brenner riesce a spiegare chiaramente alcuni dei concetti più ardui della dottrina psicoanalitica: le pagine sulla definizione e sulla natura delle pulsioni istintuali, ad esempio, e quelle sulla teoria psicoanalitica dell'angoscia sono di una chiarezza esemplare.

Altro pregio del libro è quello di dare un quadro non statico, ma dinamico della psicoanalisi: attraverso la prosa nitida e fluida del Brenner (il quale, oltre che psicoanalista e psichiatra, appare anche insegnante esperto in tutte le astuzie didattiche e le arti dell'esemplificazione) la dottrina freudiana ci si presenta non solo o non tanto come un corpus definito di teorie, ma come un metodo che si è sviluppato storicamente attraverso le successive formulazioni di Freud e dei suoi successori, arricchendosi e ampliandosi progressivamente.

Nella sua esposizione della teoria psicoanalitica della struttura dell'apparato psichico l'Autore riesce infatti ad integrare anche gli apporti degli indirizzi più moderni, sia quelli di derivazione kleiniana che quelli che si rifanno alla scuola di H. Hartmann.

Numerosi sono quindi i meriti di questo libro, il quale trova la sua funzione, come dicevamo all'inizio, in una azione di stimolo ad ulteriori più approfondite letture.

Con quest'opera (che Franco Mori ha tradotto dall'inglese con notevole chiarezza e precisione) Giuseppe Martinelli, che fa da tempo parte della Direzione della Società Editrice Universitaria - G. Barbèra, apre una nuova collana di cui è egli stesso Editore (con la supervisione di E. Gaddini, C. Musatti e I. Tolentino), iniziando così una nuova e meritoria attività culturale.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.