Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can request more content in your language…

PEP-Web Tip of the Day

Would you like more of PEP’s content in your own language? We encourage you to talk with your country’s Psychoanalytic Journals and tell them about PEP Web.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Bonasia, E. (1994). Dobbiamo ancora usare il lettino? Riflessioni su modelli della mente e tecnica. Rivista Psicoanal., 40(3):491-512.

(1994). Rivista di Psicoanalisi, 40(3):491-512

ARTICOLI

Dobbiamo ancora usare il lettino? Riflessioni su modelli della mente e tecnica

Emanuele Bonasia

Introduzione

Da Le Nuvole di Aristofane:

Socrate: sdraiati qui.

Strepsiade: a che fare?

Socrate: pensa ai tuoi problemi.

Strepsiade: no, non sul letto, ti prego. Se proprio bisogna, penserò per terra…

Coro: pensa, medita, rivolgiti dentro te stesso e concentrati.

Se non ce la fai, balza rapidamente a un altro pensiero

Socrate: non rimuginare sempre tra te e te il pensiero; rilassa un po’ la mente, falla spaziare per l'aere…

Il letto di Procuste: il gigante dell'Attica allungava o accorciava i suoi ospiti per adattarceli. Talvolta deve essere capitato qualcosa del genere fra le nostre teorie e i nostri pazienti.

Il letto di Sabina Spielrein e Jung: ovvero galeotto il letto e chi lo prescrisse! Oppure i letti di Allendy e Rank con la loro paziente, la scrittrice Anais Nin (Cremerius, 1988); o quello di G. Aichorn e M.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.