Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of this article…

PEP-Web Tip of the Day

When there are translations of the current article, you will see a flag/pennant icon next to the title, like this: 2015-11-06_11h14_24 For example:

2015-11-06_11h09_55

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are published translations of the current article. Note that when no published translations are available, you can also translate an article on the fly using Google translate.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Gislon, M.C. (1996). Research in Psychoanalysis (T. Shapiro, R. Emde eds.). International Universities Press. Madison, Connecticut, 1995, 447 pagine.. Rivista Psicoanal., 42(1):167-169.

(1996). Rivista di Psicoanalisi, 42(1):167-169

Research in Psychoanalysis (T. Shapiro, R. Emde eds.). International Universities Press. Madison, Connecticut, 1995, 447 pagine.

Review by:
Maria Clotilde Gislon

I numerosi studi di questo volume che si articola in tre aree, il processo psicoanalitico, l'efficacia della psicoanalisi e lo sviluppo, mettono in rilievo i limiti e le possibilità attuali della ricerca in psicoanalisi, campo in cui le difficoltà derivano sia dai problemi di metodologia, in quanto i principi delle scienze fisiche e del comportamento non si adattano alle scienze umane, sia dal fatto che la psicoanalisi è cresciuta come disciplina clinica e la cultura psicoanalitica non ha incoraggiato in modo sistematico una verifica empirica extraclinica.

Si possono delineare alcune posizioni fondamentali a questo proposito. Secondo alcuni la situazione psicoanalitica è sufficiente per stabilire i principi della psicoanalisi e i metodi di ricerca invadono la situazione clinica ed interferiscono con il processo psicoanalitico: operazionalizzare i concetti chiave della psicoanalisi non rende giustizia alla loro complessità. Secondo altri, al contrario, la psicoanalisi, essendo un metodo di trattamento, appartiene all'orbita delle scienze e deve quindi fornire, attraverso ricerche empiriche, evidenze che vadano al di là del momento clinico immediato, e vedere come i risultati delle ricerche siano attendibili e possano influenzare l'approccio clinico.

Alcuni rappresentanti di questa seconda tendenza infine propongono di sostituire alle teorie ed ai metodi delle scienze fisiche, che hanno dato luogo a frizione fra i risultati clinici e la teorizzazione metapsicologica, l'approccio ermeneutico, focalizzato sui significati e sui motivi dell'individuo, i cui metodi possono essere esplicitati e possedere una chiarezza epistemologica.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.