Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To quickly return to the issue’s Table of Contents from an article…

PEP-Web Tip of the Day

You can go back to to the issue’s Table of Contents in one click by clicking on the article title in the article view. What’s more, it will take you to the specific place in the TOC where the article appears.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Racalbuto, A. (2004). Le parole scritte e lette in psicoanalisi: Lavori che seducono, lavori che annoiano. Rivista Psicoanal., 50(2):389-400.

(2004). Rivista di Psicoanalisi, 50(2):389-400

Le parole scritte e lette in psicoanalisi: Lavori che seducono, lavori che annoiano

Agostino Racalbuto

Di seguito alcuni pensieri fatti in margine a “Leggere la psicoanalisi”, convegno tenutosi a Venezia l'8 Novembre 2003 su iniziativa dell'Ateneo Veneto e della rivista Penser / rêver, di cui è direttore Michel Gribinski. Antonio Alberto Semi, veneziano, membro ordinario con funzioni di training della S.P.I. e socio dell'Ateneo Veneto, ha fatto in questa occasione da trait-d'union in quanto anche redattore di Penser / rêver.

Il Convegno, che vedeva riuniti i direttori delle maggiori riviste psicoanalitiche europee, prevedeva due relazioni e due tavole rotonde. I relatori ufficiali erano Antonino Ferro, nelle vesti di rappresentante dell'Editorial Board dell'IPA per l'Europa, e Remo Bodei, in quanto illustre lettore di psicoanalisi non psicoanalista. I conduttori delle tavole rotonde rispondevano al nome di Pierluigi Rossi, direttore della Rivista di Psicoanalisi fino al Febbraio 2003, e Jean-Baptiste Pontalis, personaggio carismatico della psicoanalisi francese, nonché mirabile scrittore di psicoanalisi.

Il Convegno, pur costituendo un momento d'incontro importante anche per il vasto pubblico accorso, ha forse deluso le aspettative di chi era andato per l'approfondimento del tema “leggere la psicoanalisi”. Tranne qualche eccezione, piuttosto che tentare di mettere a fuoco le complesse e importanti implicazioni che stanno “dentro” la lettura di scritti psicoanalitici e “che cosa” può essere richiesto ad uno scritto per essere riconosciuto come tale, si è finito col parlare di altro.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.