Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save articles in ePub format for your eBook reader…

PEP-Web Tip of the Day

To save an article in ePub format, look for the ePub reader icon above all articles for logged in users, and click it to quickly save the article, which is automatically downloaded to your computer or device. (There may be times when due to font sizes and other original formatting, the page may overflow onto a second page.).

You can also easily save to PDF format, a journal like printed format.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Falci, A. (2004). Logica poetica e logica veridittivaSpazi: Alcune note su metodo divinatorio e metodo scientifico. Rivista Psicoanal., 50(3):739-771.

(2004). Rivista di Psicoanalisi, 50(3):739-771

Logica poetica e logica veridittivaSpazi: Alcune note su metodo divinatorio e metodo scientifico

Amedeo Falci

Che cosa intendiamo oggi come “centrale” e “periferico” riguardo ad un certo sapere? Enunciati centrali e fondamentali, espressi secondo un linguaggio specifico e convenzionale e, di contro, proposizioni periferiche che fanno da ponte con aree applicative e con saperi confinari, espresse con linguaggi meno rigorosi e specializzati.

Prendendo a prestito alcuni concetti che riguardano le trasformazioni urbane, “centrale” e “periferico” non si riferirebbero più tanto alla topografia storica dell'area in questione - proposizioni fondative originarie al centro e zone confinarie esterne - ma al loro effettivo, attuale valore relazionale ed antropico. In tal modo possono diventare centrali aree di maggiore scambio interumano, mentre possono periferizzarsi aree di valore storico ma di minore frequentazione culturale.

Parimenti nella psicoanalisi è forse possibile intravedere come rispetto al perno centrale degli asserti teorici fondamentali, una serie di aree apparentemente confinarie, o quantomeno decentrate, siano andate assumendo nel tempo una rilevanza maggiore, diventando le aree linguisticamente più frequentate, quelle in grado di fornire un grande contributo di metafore. Si tratterebbe di capire se tali metafore abbiano un valore esplicativo complementare e sussidiario rispetto agli asserti centrali, ovvero se non siano andate usurpando nel tempo lo spazio e la forza delle proposizioni centrali entrate in crisi.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.