Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To zoom in or out on PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Are you having difficulty reading an article due its font size? In order to make the content on PEP-Web larger (zoom in), press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the plus sign (+). Press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the minus sign (-) to make the content smaller (zoom out). To go back to 100% size (normal size), press Ctrl (⌘Command on the Mac) + 0 (the number 0).

Another way on Windows: Hold the Ctrl key and scroll the mouse wheel up or down to zoom in and out (respectively) of the webpage. Laptop users may use two fingers and separate them or bring them together while pressing the mouse track pad.

Safari users: You can also improve the readability of you browser when using Safari, with the Reader Mode: Go to PEP-Web. Right-click the URL box and select Settings for This Website, or go to Safari > Settings for This Website. A large pop-up will appear underneath the URL box. Look for the header that reads, “When visiting this website.” If you want Reader mode to always work on this site, check the box for “Use Reader when available.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Rossi, P.L. (2004). I due luoghi dell'interpretazione psicoanalitica. Rivista Psicoanal., 50S(Supplement):119-129.

(2004). Rivista di Psicoanalisi, 50S(Supplement):119-129

I due luoghi dell'interpretazione psicoanalitica

Pier Luigi Rossi

Esattamente trenta anni fa, nel 1974, la Rivista di Psicoanalisi uscì con un fascicolo tematico dedicato appunto, come la nostra giornata di oggi, a L'Interpretazione. Si trattava, in quella occasione, di un fascicolo unico che copriva l'intera annata ed autorevolmente presentava un'operazione di un certo rilievo culturale per il mondo psicoanalitico italiano di allora: la prima traduzione del famoso e antico articolo di Strachey (1934) sulla «interpretazione mutativa», accompagnata dal commento di Stefania Manfredi che ne spingeva il contenuto verso una più completa teoria delle «relazioni tra gli oggetti interni».

Quel fascicolo della Rivista ratificava soprattutto la diffusione in Italia e l'egemonia della tecnica kleiniana che si era sviluppata in quegli anni, e discuteva sull'interpretazione, se pure con accenti personali diversi fra i vari Autori, nei termini che erano stati posti da quella tecnica: l'interpretazione deve essere precoce oppure no? Deve essere sempre un'interpretazione di transfert? E così via.

Se prendiamo quello come punto di partenza per una riflessione possibile, ci accorgiamo che molta acqua è passata da allora sotto i ponti, e ci scopriamo forse oggi più inclini ad interrogarci sulla natura dell'interpretazione psicoanalitica, piuttosto interessati a chiederci direttamente: a che cosa serve, in psicoanalisi, l'interpretazione?

La «teoria degli oggetti interni» era una teoria molto forte, con ambizioni scientistiche elevate, tale che la tecnica, cioè la pratica reale della psicoanalisi, ne veniva quasi naturalmente dedotta come un'applicazione della teoria.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.