Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To zoom in or out on PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Are you having difficulty reading an article due its font size? In order to make the content on PEP-Web larger (zoom in), press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the plus sign (+). Press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the minus sign (-) to make the content smaller (zoom out). To go back to 100% size (normal size), press Ctrl (⌘Command on the Mac) + 0 (the number 0).

Another way on Windows: Hold the Ctrl key and scroll the mouse wheel up or down to zoom in and out (respectively) of the webpage. Laptop users may use two fingers and separate them or bring them together while pressing the mouse track pad.

Safari users: You can also improve the readability of you browser when using Safari, with the Reader Mode: Go to PEP-Web. Right-click the URL box and select Settings for This Website, or go to Safari > Settings for This Website. A large pop-up will appear underneath the URL box. Look for the header that reads, “When visiting this website.” If you want Reader mode to always work on this site, check the box for “Use Reader when available.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Falci, A. (2005). Contemp. Psychoanal. Vol. 40, n. 2, April 2004 W.A. White Institute, New York., $ 89. Rivista Psicoanal., 51(2):661-667.

(2005). Rivista di Psicoanalisi, 51(2):661-667

Contemp. Psychoanal. Vol. 40, n. 2, April 2004 W.A. White Institute, New York., $ 89

Review by:
Amedeo Falci

Tra i vari articoli di questa annata di Contemporay Psychoanalysis il lavoro di Donnel B. Stern («The eye sees itself. Dissociation, enactment and the achievement of conflict») offre alcuni spunti di vivo interesse, per cui ho preferito centrare la mia attenzione esclusivamente su tale articolo. L'area tematica è inerente l'impostazione intersoggettiva della relazione analitica con una particolare attenzione all'enactment come espressione di processi dissociativi nell'interazione terapeutica. La premessa è nel sostenere come una visione più aggiornata dell'esperienza analitica comporti alla base dell'azione terapeutica non soltanto l'acquisizione di insight, ma anche un ampliamento della capacità relazionale. In tal senso anche la concezione del controtransfert apparirebbe certamente più complessa venendo a comprendere non soltanto pensieri, fantasie e desideri dell'analista, ma tutti i suoi ruoli inconsci giocati all'interno delle interazioni della seduta, l'enactment appunto. Citando la posizione di Ghent (1995) si tratta di uno shift da una visione informational della terapia, ad una visione transformational dei cambiamenti relazionali che si attuano preliminarmente alla capacità di insight. Appare evidente la vicinanza con le teorizzazioni del Boston Change Group (D. Stern et al., 1998) sui now moments. In una breve nota relativa all'appartenenza di tali posizioni ad una epistemologia delle teorie delle complessità, dei sistemi dinamici non lineari e delle teorie del caos, sono riportati, per quanti interessati ad un approfondimento, alcuni rilevanti lavori psicoanalitici dell'ultimo decennio indicativi di tale attenzione.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.