Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see papers related to the one you are viewing…

PEP-Web Tip of the Day

When there are articles or videos related to the one you are viewing, you will see a related papers icon next to the title, like this: RelatedPapers32Final3For example:

2015-11-06_09h28_31

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are related (including the current one). Related papers may be papers which are commentaries, responses to commentaries, erratum, and videos discussing the paper. Since they are not part of the original source material, they are added by PEP editorial staff, and may not be marked as such in every possible case.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Lupinacci, M.A. (2013). Da M. Klein a W.R. Bion: la fantasia inconscia e la funzione alpha. Rivista Psicoanal., 59(2):399-416.

(2013). Rivista di Psicoanalisi, 59(2):399-416

Da M. Klein a W.R. Bion: la fantasia inconscia e la funzione alpha

Maria Adelaide Lupinacci

Ispirata dalle scoperte della psicoanalisi di Freud, Melanie Klein aveva preso ad osservare lo sviluppo dei bambini (dei suoi in primo luogo) cercando una via per una pedagogia non repressiva. Si imbatté allora, quasi inaspettatamente, nelle fantasie inconsce che continuamente sottendono la vita psichica infantile e, con sorpresa, si rese anche conto che esse erano influenzabili solo fino a un certo punto da una pedagogia illuminata.

I contenuti riguardavano desideri, paure, difese, teorie sulla vita, sulla morte, sulla sessualità (Klein, 1921).

Il piccolo Fritz le insegnò il modo di accedervi tramite il gioco, prima «giocando» con i racconti dei sogni e con le sue proprie storie, poi passando alla loro messa in scena.

«“Adesso mi metto a giocare quello che ti ho raccontato” oppure “Non lo racconterò, lo giocherò”» (Klein, 1921, 56). Aveva inventato l'analisi del gioco, che sarebbe stata la base per le successive scoperte della Klein e per lo sviluppo di tutto il suo pensiero, come Anna O. aveva inventato la talking cure, ispiratrice delle libere associazioni per Freud. Ancora una volta una tecnica particolarmente adatta al campo di esplorazione cui era applicata avrebbe permesso grandi progressi teorici in quel campo. Infatti, forse inaspettatamente per la Klein stessa, la fantasia inconscia, così come sembrava dispiegarsi agli occhi degli analisti di bambini, risultò essere un punto di snodo significativo per diverse questioni metapsicologiche e cliniche importanti.

Per prima cosa andava a collocarsi nell'ambito del misterioso salto dal fisico allo psichico.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.