Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of this article…

PEP-Web Tip of the Day

When there are translations of the current article, you will see a flag/pennant icon next to the title, like this: 2015-11-06_11h14_24 For example:

2015-11-06_11h09_55

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are published translations of the current article. Note that when no published translations are available, you can also translate an article on the fly using Google translate.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

SchÖn, A. (2018). Pensieri sulla solitudine e la compagnia. Rivista Psicoanal., 64(1):155-158.

(2018). Rivista di Psicoanalisi, 64(1):155-158

Pensieri sulla solitudine e la compagnia

Alberto SchÖn

Ginevra Bompiani racconta le solitudini, cominciando dalla prima in assoluto, quella di Dio Jahvé che per procurarsi una compagnia crea l'universo, compresi noi umani. Il racconto è largamente quello della Genesi (bereshit) ma con qualche aggiunta, commento, ammiccamento, che, s'intende, ci fa piacevolmente compagnia. Insomma in principio era un midrash, variazione narrativa su tema tratto dal testo biblico, cui aggiunge fantasie, un po' come Calvino fece con le cosmicomiche, meravigliose narrazioni di fantasia basate su principi della fisica.

Un modo di comprendere la solitudine è la conoscenza dei meccanismi di relazione, di come cerchiamo di costruire una compagnia. La Bompiani dice: «Perché è questo la compagnia: prendersi cura di qualcuno che ti sfugge, ti disubbidisce, ti fa arrabbiare». La (spesso cattiva) compagnia cura la solitudine. E qui il (buon) analista drizza l'orecchio. Il serpente nel copione ha il ruolo del cattivo, ma sostiene l'importanza del pensiero. Ecco, l'ambivalenza è una forza motrice che ci riguarda.

Tornando agli inizi, Dio Yahvè e Adamo si annoiano nel giardino di Eden, sono ancora soli, allora dio fa l'altra cosa che sa fare, detta legge: «Non mangiare il frutto dell'albero…». Dato che è onnisciente, ci dicono, sapeva già di aver inventato la trasgressione insieme alla legge, ma non contento, inventa anche la donna e con ciò vince la solitudine, perché l'amore e i conflitti sono un passatempo illimitato.

Dico che Dio era saggio. Ha fatto la donna con una costola, che sembra un dettaglio, la costola, badate, non il cervello di Adamo. A Eva gliene ha fatto uno nuovo. Come sempre nel prototipo c'è qualche svista da correggere. Per la donna c'è voluto più lavoro. Beh, lo dico io, Ginevra non dice questo, nemmeno il Talmud, però potrebbero pensarlo.

[This is a summary or excerpt from the full text of the article. PEP-Web provides full-text search of the complete articles for current and archive content, but only the abstracts are displayed for current content, due to contractual obligations with the journal publishers. For details on how to read the full text of 2016 and more current articles see the publishers official website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.